Letteratura contemporanea televisione e cinema

E’ difficile dire l’anno. Poteva essere il ’78 o il ’79, ma forse era uno o due anni prima. Ricordo bene questa trasmissione per radio, dove si discuteva una notizia che aveva fatto scalpore. Dato che la radio non l’ascoltavo quasi mai, ero sicuramente malato a letto, esattamente come si vede nella foto qui sopra, dell’inizio del 1978. Non erano malattie fastidiose, semplicemente per qualche giorno non andavo a scuola e dovevo solo stare a letto e aspettare di guarire. Dovevo mangiare bere giocare o leggere, oppure appunto ascoltare la radio come facevo per ore intere, mi ricordo. 
La notizia di cui in quella mattinata della fine degli anni settanta si parlava con tanta intensità e polemica era che una statistica aveva rivelato che il giornale più letto dagli italiani era Tv sorrisi e canzoni, cosa che aveva spiazzato tutti.
Sembra incredibile che di tutte le ore passate a ascoltare la radio, mi ricordo bene in particolare di questa trasmissione specifica. Ma mi colpì molto la passione degli intervenuti al dibattito, perché in quegli anni andava forte il dibattito, mai abbastanza rimpianto, e anche le cose che vennero dette. In sostanza ci si domandava come era possibile che gli italiani non si dedicassero a letture più profonde o intelligenti, invece di buttare via il proprio tempo dietro scemenze come le canzonette di Sanremo o le stelline di Canzonissima. Ricordo i toni accesi, di chi si chiedeva se questa scelta non significasse una vigliacca fuga dalla realtà, o una voglia di evasione forse anche un po’ legittima dai problemi reali, dal difficile momento che viveva l’Italia, il terrorismo, la crisi, e se questo magari non rappresentasse un cambio di interesse da parte dell’italiano medio, dei lavoratori, degli operai dalla cultura a argomenti più leggeri, meno impegnati, all’evasione, al puro intrattenimento senza spessore, e cose così. Voleva forse dire che la maggioranza degli italiani, rifiutava di interessarsi alla cultura? Dove sarebbe finito un paese, se i suoi abitanti buttano via il loro tempo libero portando il cervello all’ammasso?
Oggi un dibattito simile è pura fantascienza. Non solo forse per la libertà delle cose dette, ma anche per i concetti espressi. Nessuno oggi si scandalizzerebbe per il fatto che un operaio non legga l’Unità o Paese Sera (i quali peraltro sono spariti), o non passi il suo tempo libero a leggere romanzi dell’Ottocento o il teatro di Beckett, magari preferendo Tv sorrisi e canzoni (il quale per inciso esiste ancora). Oggi un operaio si sfonda di Grande Fratello o delle Isole dei Famosi, legge la Gazzetta dello Sport o i siti del calcio, e magari si diverte con i giochi al computer e fa tutte quelle cose che nel frattempo i computer e i telefonini permettono di fare, ma di certo non legge i romanzi dell’Ottocento, e se lo fa ci si stupisce, non del contrario. Non solo gli operai, ma evidentemente la stragrande maggioranza degli italiani. Nessuno si stupisce che gli italiani non abbiano interesse per la cultura, anzi fa notizia il successo di una mostra o di una presentazione di un libro.
Quel distacco, quel disinteresse che gli italiani cominciavano a mostrare verso la cultura in quella fine degli anni settanta, sarebbe aumentato grandemente nel giro di pochissimo, trasformandosi in quello che è stato definito il riflusso, e gli anni seguenti gli anni del riflusso.
Non a caso, però, le prime avvisaglie di questo pauroso disimpegno, come nella notizia di cui ho parlato, riguardavano da vicino la televisione. La televisione è stata il motore principale di questo dietro front. Secondo me continua probabilmente a sottovalutarsi quanto sia stata devastante nel male e quanta responsabilità porti la televisione di tutto il peggio che ci si è scaricato sopra da quegli anni in poi, in quantità industriale.
Una accelerazione indubbia in questa devastazione la costituì il passaggio dalla tv in bianco e nero alla tv a colori. Era già notevolmente ipnotizzante la tv in bianco e nero, ma era in bianco e nero, era evidente che la realtà era qualcos’altro. La riproduzione della realtà con la tv a colori, era completa. Nel giro di pochi mesi, tutta Italia se ne stava incollata alle trasmissioni, le quali peraltro aumentavano vertiginosamente. Aumentavano le ore di trasmissione e anche i canali, le televisioni. E’ vero che, ancora per poco, alla tv ci sarebbero stati programmi geniali e sperimentali, come Non stop o l’Altra Domenica, ma sarebbero durati poco. Poi, dai primi anni ottanta, una marea di scemenze e di banalità, di piattume e di vero e proprio pattume avrebbe invaso gli schermi degli italiani e conseguentemente, le loro teste. Letteralmente, le idee i comportamenti i modi di fare di divertirsi di ridere e in generale la vita tutta si sarebbe modificata in base a quella televisiva, per la massa delle persone, specialmente come è ovvio per le giovani generazioni e quelle di mezzo.

Io credo che abbiamo avuto una letteratura e una cultura alta fino agli anni settanta perché chi leggeva voleva leggere e scegliere veri libri cose alte.

Poi dopo dagli anni ottanta in poi chi leggeva è stato sempre meno attento alla questione e una grossa scossa in peggio l’hanno data le persone della mia generazione, la vera generazione del riflusso che si è letteralmente gettata nel vuoto e nell’inutile nelle futilità più estreme e non ha saputo capire la differenza tra la pseudo letteratura e la letteratura di un vero valore, o ci ha fatto sempre meno caso, e quindi non ha saputo apprezzarla, finendo invece per apprezzare tantissimo la pseudo letteratura o la letteratura al ribasso, come è stata quella per larga parte dalla fine degli anni settanta in poi.

Lo stesso naturalmente succedeva al cinema, con i maestri che facevano cinema vero, arte vera che venivano visti sempre meno e sempre meno considerati e una larga, larghissima parte della mia generazione che si buttava con felicità a guardare roba sempre meno scusabile, come i vari pasticci di quegli anni che spesso avevano pure la pretesa di essere cinema “alto”, non essendolo affatto, con la scusa di un rinnovo delle generazioni, dei generi, dei temi, del linguaggio o delle forme, di uno slancio di novità che era solo o quasi peggioramento del gusto.

La ragione di tutto questo è essenzialmente che la nostra la mia è stata la prima generazione televisiva in senso ampio, cioè è stata la prima generazione per la quale il consumo della televisione è stato rilevante e ha tra l’altro rappresentato la base culturale, più dei libri, più del cinema, più della radio, a volte quasi quanto la musica ma più spesso almeno quanto la musica e quasi sempre più della musica, mentre i nostri fratelli maggiori non era alla televisione che si erano rivolti per creare un immaginario, una cultura, un ideale di vita, piuttosto alla musica o alla politica, alla società, alle lotte civili o ai fenomeni di massa, scioperi, occupazioni, manifestazioni ecc. mentre la nostra, la mia di scioperi e di occupazioni, di manifestazioni fondanti una identità non ne ha visto neanche l’ombra, io nel 1977 avevo undici anni e certo non ero in strada a manifestare. La nostra generazione peraltro non ha nemmeno fatto in tempo a crearsi un interesse per la politica, proprio per gli stessi motivi tranne qualche eccezione dovuta alla precocità di qualcuno di quei ragazzi, che seguivano a dieci anni la politica come i loro fratelli maggiori, le elezioni, la vita civile, si leggevano gli articoli di fondo sulla politica internazionale o italiana, le notizie sulle lotte sociali, insomma si informavano a dieci undici anni nella stessa esatta maniera di quelli di venti o ventun anni (è stato il caso mio), ma gli altri la gran massa dei ragazzi sono arrivati alle superiori senza aver letto nulla o essersi informati di nulla o quasi, e sono stati i primi responsabili del crollo dell’interesse verso le tematiche politiche sociali o culturali alla svolta degli anni ottanta, svolta evidentemente propugnata dalla televisione ma che ha trovato un terreno fertile, fertilissimo in chi non vedeva ragioni per occuparsi dei mali del mondo o in generale per occuparsi del mondo, per guardare fuori dal proprio privato, dai limiti dei propri affari. Ecco perché in così poco tempo le cose sono cambiate, perché la svolta è stata a 180 gradi e solo un mezzo così potente ci sarebbe riuscito, un mezzo così capace di cancellare tutto nelle menti e fare il vuoto di quello che c’era, ammesso che ci fosse. 

Quindi noi per primi ci siamo impostati il cervello non sull’educazione che abbiamo ricevuto ma sul modello, il “canone ideale” a cui assomigliare e a cui adeguarsi che la televisione ci aveva dato, ci stava incessantemente dando, finendo tra le altre devastanti conseguenze per considerare arte quello che non lo era, per considerare cinema valido quello che non lo era, per apprezzare e anzi esaltare il medio e il mediocre, persino il pessimo, e in ogni caso certamente anche il mezzo e mezzo, cioè tutta quella produzione che di arte non aveva che una parte o anche poca, per cui da allora una serie di film e libri sono stati dalla nostra generazione per prima presi per validi e considerati buoni, senza nemmeno accorgersene.

Lo stesso fenomeno almeno in parte succedeva con la musica, almeno in parte dico perché nonostante tutto un canone ideale in musica ha retto come modello anche se in una percentuale minoritaria delle persone, per cui tutt’ora non sono pochi quelli che riescono a guardare con occhio critico a tutta la spazzatura che si produce e si consuma nella musica, e mantengono una preferenza per la musica del passato fino appunto agli anni settanta, non perché particolarmente appassionati del passato ma per motivi di valore, di ideale. 
Quindi che oggi si scambi per buono quello che non lo è è tutto fuorché strano. Succede in base a un fenomeno che viene da lontano e ce ne è voluto per degradare il gusto e la capacità di riconoscere di vedere il valore. C’è voluta tutta la forza della tv con il suo potere inquinante e le sue bocche di fuoco tutte puntate contro il bello e il valido, come ha fatto in questi ormai quarant’anni. E ora non mi stupirei della incapacità quasi generale a riconoscere il valore dei libri dei film o degli spettacoli teatrali, se chi giudica è nato in un ambiente che ha portato sistematicamente alla cancellazione del valore in quello che veniva proposto. Ancora peggio, se non si è in grado di distinguere di tenere separati il valido e il non valido, anzi la questione non interessa, anzi nemmeno si vede il problema, non si vede poi come si è capaci di crearlo il valido, il vero valore, quando ci mettiamo “noi” a scrivere, a fare film, a fare spettacoli teatrali. In tutto questo, la televisione continua con la opera malefica, che non è mai smessa anzi si è se possibile aggravata, dalle conseguenze dai danni incalcolabili. Sembrava impossibile che si potesse scendere più in basso quando è uscito il Grande fratello, e sono passati venti anni. Credo che chi ha mantenuto un minimo di spirito critico deve riconoscere che da allora il livello generale della tv è molto peggiorato. Si vede che nel frattempo hanno scavato. 
Diventa quindi improbabile, non direi impossibile ma di certo improbabile, che un riscatto della letteratura avvenga senza un rifiuto netto di quella cultura che ha avvelenato tutto a partire dagli anni settanta. Bisogna avere il coraggio di guardare alla realtà, e la realtà è che la televisione è un enorme immondezzaio, dove di artistico non c’è niente al contrario, è solo un grandissimo bidone dell’immondizia con cose che a volte sono pure spudoratamente spacciate per artistiche, o perlomeno con delle ambizioni; che si dica per esempio che le serie televisive sono belle non si può sentire. Poi è chiaro che chi scrive, se come parametro del bello ha le serie tv o le telenovela, per forza poi fa dei libri che di quella tv sono il corrispettivo scritto.

One thought on “Letteratura contemporanea televisione e cinema

  1. I agree. TV is like an addictive drug, mostly entirely devoid of value and having a corrupting influence on viewers, leading to lost knowledge and curiosity for literary and cultural study. I must say, however, with regard to escapist films, they can be beneficial during stressful times. They can help relieve stress by turning off the minds need to solve constantly problems, local and worldwide. A little bit of escapism has always been a good thing but, of course, the mind must get turned back on!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: